Smart Cities Living Lab Siracusa

/, News, Progetti/Smart Cities Living Lab Siracusa

Smart Cities Living Lab Siracusa

Il Progetto CNR “Smart Cities Living Lab Siracusa”,è un il progetto che guida il turista in un viaggio digitale, virtuale e tridimensionale nel patrimonio culturale, archeologico e monumentale della città antica, grazie ai ‘QR-code’ dislocati sul territorio, ad applicazioni gratuite e al portale ‘Welcome to Siracusa’.

L’Istituto di Biometeorologia ha sviluppato, nell’ambito del progetto, un sistema integrato per il monitoraggio del clima e della qualità dell’aria in aree di interesse storico-artistico del Comune di Siracusa. Il sistema, denominato SensorWebHub/UrbanClimate, è composto da due tipologie di apparati:

  1. La stazione Master per la misura del “metabolismo urbano”, basata sulla misura delle emissioni di CO2 applicando la tecnica micrometeorologica della “correlazione turbolenta”;
  2. La rete di stazioni low-cost SensorWeb, dotate di sensori climatici e della qualità dell’aria e sviluppate sulla piattaforma hardware open-source “Arduino”.
  3. Un’infrastruttura dati  centralizzata ed un applicazione software  distribuita su web.

La stazione Master, installata sul tetto di palazzo Vermexio, sede del Comune, è in grado di stimare le emissioni dovute ad attività antropiche (traffico, riscaldamento, etc) nell’intera area della penisola di Ortigia.

Le stazioni SensorWeb, realizzate in versione sia fissa che mobile, sono installate sui totem infoturistici (SensorWebTourist), su alcune auto della Polizia Municipale (SensorWebCar) e su tre biciclette elettriche a pedalata assistita (SensorWebBike), assegnate alla pattuglia della Polizia Municipale della penisola di Ortigia.

Le stazioni sono dotate di una scheda sensori, messa a punto dall’Istituto di Biometeorologia, in grado di rilevare sia parametri meteorologici standard (temperatura ed umidità relativa), gas serra (concentrazioni di CO2), nonché parametri di qualità dell’aria (concentrazioni di ozono, monossido di carbonio e biossido di azoto).

Per la gestione del flusso di dati, sia dalla stazione Master che dalle piattaforme SensorWeb, è stata sviluppata una completa Infrastruttura Dati Spaziali (SDI) composta da un Geo Database centrale per la memorizzazione e la gestione, una suite di services per la gestione del flusso dati dalle stazioni al sistema centrale, un motore GIS per la geolocalizzazione ed una WebApp per la visualizzazione, l’elaborazione e l’analisi dei dati raccolti. L’interoperabilità di quest’architettura è garantita grazie all’implementazione dei suoi componenti seguendo l’approccio Open Data e sviluppando Servizi Open Source in linea con le direttive INSPIRE e standard OGC (Open Geospatial Consortium)

La WebApp “UrbanClimate” permette la facile visualizzazione dei dati acquisiti in tempo reale e l’accesso al Geo Database da parte di una vasta gamma di utenti.

L’interfaccia grafica dell’applicazione, sviluppata assieme a Cooperation Lab, è stata progettata seguendo le specifiche dei principali browser Internet permettendo la visualizzazione dei dati, anche in forma grafica semplificata, in differenti formati (tabelle, grafici e mappe geografiche).

L’applicazione, accessibile sia tramite i totem infoturistici installati nell’ambito del progetto che tramite tablet o smartphone, permette ai cittadini di accedere a informazioni relative al benessere ambientale in termini qualitativi di confort e qualità dell’aria. Tali informazioni possono essere utilizzate anche per la salvaguardia dei beni architettonici e archeologici.

Guarda il video

 

By | 2017-10-11T15:23:25+00:00 luglio 12th, 2014|Categories: Clima Urbano, News, Progetti|